Omelie

Omelie, commenti e riflessioni a partire dalla Parola di Dio della Liturgia di ogni giorno.

Omelie feriali

Il segno di Giona

Omelia per mercoledì 21 febbraio 2024

Il segno di Giona non sono i tre giorni passati dal profeta nel ventre del pesce, ma l’infinita misericordia di Dio che avverte e perdona i peccatori.

Omelie feriali

Si fida più Dio di noi che noi di Lui

Omelia per martedì 20 febbraio 2024

Il Signore confida nell’efficacia della Sua Parola pur conoscendo la nostra impermeabilità alla Sua voce e la nostra poca fiducia in Lui.

Omelie feriali

Il prossimo è Dio, Dio è il prossimo

Omelia per lunedì 19 febbraio 2024

Se vogliamo raggiungere la santità di Dio non dobbiamo fare “salti in alto”, ma scendere giù sempre più in basso, alla ricerca del nostro prossimo.

Omelie feriali

«Se… allora». Sabato dopo le Ceneri

Omelia per sabato 17 febbraio 2024

Dio ci mette di fronte il bene e il male e ci fa il grande dono-compito della libertà. Tutto è racchiuso in un «se»: sta a noi scegliere.

Omelie feriali

Il vero digiuno. Venerdì dopo le Ceneri

Omelia per venerdì 16 febbraio 2024

Il vero digiuno è cercare la giustizia a tutti i costi, gridando la verità, senza paura di essere profeti scomodi. Non c’è pace senza giustizia e verità!

Omelie feriali

Scegli la vita. Giovedì dopo le Ceneri

Omelia per giovedì 15 febbraio 2024

Scegliere la vita passa necessariamente attraverso la Croce: l’accettare di lasciar morire in noi ciò che porta alla morte, a partire dal nostro “io”.

Omelie feriali

Un tempo per piangere. Mercoledì delle Ceneri

Omelia per mercoledì 14 febbraio 2024

La Quaresima, che cominciamo con la celebrazione delle Ceneri, è un tempo adatto per la compassione, per re-imparare a piangere con chi piange.

Omelie feriali

Dio non tenta nessuno

Omelia per martedì 13 febbraio 2024

Dio non ci tenta, mai! Tutt’al più, permette che siamo tentati, ma sempre standoci accanto nel momento della prova e della tentazione.

Omelie feriali

Perfetta letizia

Omelia per lunedì 12 febbraio 2024

Davvero saper patire e sopportare ogni sorta di prove è “perfetta letizia”? Sì, perché ci fa sperimentare l’aiuto e la vicinanza di Dio.