Argomento: tentazione

Contenuti che riguardano l’argomento “tentazione”

Quaranta. 1ª Domenica di Quaresima (B)

Quaranta giorni, il tempo necessario della prova

Come ogni anno, la prima domenica di Quaresima ci fa meditare sul brano delle tentazioni di Gesù nel deserto. Ma quest’anno siamo nel ciclo liturgico “B”, e il nostro caro amico Marco ci fa gli “sconti di stagione”: quello che Matteo e Luca si dilungano a raccontare con dovizia di particolari, è “liquidato” in due versetti, una riga e mezza. Ormai – però – dovremmo averlo capito: il vangelo di Marco non è un riassunto o un “bigino” degli altri (anche perché è stato il primo a scrivere, quindi – semmai – sono gli altri ad aver copiato da lui), ma è scritto con un’essenzialità tagliente…

Continua a leggere →

Dio ci ama, tutti. Natale del Signore 2020

Dio ci ama

Ci si scambiano tanti regali a Natale… magari quest’anno un po’ meno, a causa dell’ennesimo lockdown per la pandemia. Ce ne fa tanti anche il Signore (e non solo a Natale), ma forse non ce ne accorgiamo, perché sono cose che diamo per scontate. Eppure non lo sono…
Pensate – ad esempio – alla salute: in un anno come questo cosa c’è di meno scontato della salute? Eppure quanti di noi ringraziano il Signore di non essersi ammalati di Coronavirus? O di esserne guariti?

Continua a leggere →

Nella tentazione vince chi scappa. 19ª Domenica del Tempo Ordinario (A)

Nella tentazione vince chi scappa

Ho scelto il titolo della riflessione di oggi prendendo in prestito una massima attribuita al mio caro san Filippo Neri: «Davanti alla tentazione, vince chi scappa!»
Vi chiederete il perché. Perché credo che spieghi il motivo del gesto di Gesù, che – subito dopo la moltiplicazione dei pani e dei pesci – «costrinse i discepoli a salire sulla barca e a precederlo sull’altra riva».

Continua a leggere →

Siamo fragili, ma non soli. 1ª Domenica di Quaresima (A)

siamo fragili, ma non soli

In questi giorni di paura e preoccupazione facciamo più facilmente esperienza delle nostre fragilità. Crollano tante certezze, svanisce un senso di onnipotenza che spesso caratterizza l’uomo contemporaneo. Questo dovrebbe aiutarci a riflettere anche su una fragilità più nascosta: quella della nostra predisposizione al peccato, al male. Come nel caso della malattia, anche il peccato ci fa percepire profondamente la nostra povertà e solitudine. Ma la Parola di Dio ci assicura che – sì – siamo fragili, ma proprio per questo Dio non ci lascia soli. Non ci abbandona alla tentazione, ma la affronta con noi per aiutarci ad uscirne vittoriosi assieme a Lui.

Continua a leggere →