Argomento: preghiera

mare infinito

Di più di “di più”

«La misura dell’amore è amare senza misura», scriveva San Bernardo di Chiaravalle. Se pensiamo che nell’amore si possa ragionare in termini di quantità (come credeva l’apostolo Pietro – chiedendo quante volte bisogna perdonare al fratello) partiamo già col piede sbagliato. L’amore è questione di qualità. O ami con tutto te stesso o non ami affatto! E visto che il perdono è la forma più grande dell’Amore, perdonare davvero è possibile solo se si perdona sempre, e a chiunque.
Solo Dio ci può insegnare questo. E non ce lo insegna “teoricamente”, ma proprio facendoci destinatari ogni giorno di una misura incommensurabile di Amore e Misericordia.
Riusciremo a non dimenticare subito quanto e quale Amore abbiamo ricevuto, così da donarlo a nostra volta ai fratelli?

le Sante Ceneri

Quaresima non è quarantena

Mercoledì delle Ceneri – Il triste momento che stiamo vivendo a causa del Coronavirus dà un sapore surreale all’inizio di questa Santa Quaresima, nella quale non potremo ritrovarci tutti assieme per iniziare un cammino serio di conversione. Anche se è difficile, dobbiamo cogliere l’occasione per vivere lo sconforto e la tristezza delle restrizioni (anche religiose) come occasione per rinnovare in noi in modo più sincero il bisogno e il desiderio dell’incontro, della fraternità, del sentirci Comunità. Chiediamo allora al Signore di non isolarci anche noi cristiani in quarantena, ma di vivere questa Quaresima come un tempo di comunione spirituale ancora più profonda.

compro una consonante

Compro… una consonante!

30a Domenica del Tempo Ordinario – La preghiera autentica è un dialogo, non un monologo. Dobbiamo operare una nuova rivoluzione copernicana nella nostra vita: rimettere Dio al centro. Per fare questo abbiamo bisogno di intraprendere un cammino di umiltà.

always connected

Always connected

29a Domenica del Tempo Ordinario – Pregare sempre, non significa riempire le orecchie di Dio di tante parole, ma lasciare sempre aperta la comunicazione tra il Suo cuore e il nostro. La preghiera continua che ci insegna Gesù non è quella fatta di tante parole, ma una “connessione” stabile e sicura, una relazione di affetto e confidenza indistruttibile tra noi e Lui, come quella che c’è tra un bambino e il suo papà, tra un giovane e la sua amata.

Dobbiamo tutti essere Angeli

Santi Angeli Custodi – Siamo tutti chiamati a diventare angeli custodi dei nostri fratelli. E per farlo occorre seguire i tratti della Parola di Dio: far abitare in noi il Suo Nome e far risplendere sul nostro viso la luce del Suo Volto. Se i nonni (e tutti gli adulti cristiani) faranno così, saranno degli “angeli in terra” di cui Dio potrà fidarsi.

Chagal, Abramo e i tre Angeli

Pregare è osare… arrivando fino a uno

17a Domenica del Tempo Ordinario – Pregare è avere una tale confidenza in Dio da non aver paura di osare, di rilanciare all’infinito, ben sapendo che Lui ha già pensato di concederci molto di più di quanto noi osiamo domandargli.