Argomento: pandemia

Contenuti che riguardano l’argomento “pandemia”

La tempesta necessaria. 12ª Domenica del Tempo Ordinario (B)

La tempesta necessaria

Questa domenica torna un brano che credo (e spero) ci sia rimasto nel cuore da quella indimenticabile e angosciosa sera del 27 marzo 2020, quando il Papa lo commentò in una bellissima omelia, davanti ad una Piazza San Pietro deserta: «Fitte tenebre si sono addensate sulle nostre piazze, strade e città; si sono impadronite delle nostre vite riempiendo tutto di un silenzio assordante e di un vuoto desolante, che paralizza ogni cosa al suo passaggio: si sente nell’aria, si avverte nei gesti…

Continua a leggere →

…per soldi. Quanto vale la vita umana?

Uccidere per soldi

Credevo di poter vivere una giornata luminosa e gioiosa oggi, memoria di San Filippo Neri, il mio Santo preferito, il santo della gioia, e invece scrivo con il cuore letteralmente schiacciato… Proprio dopo le mie preghiere mattutine – infatti – ho ricevuto l’ennesima conferma di quanto l’uomo sia malvagio: la prima notizia che ho letto aprendo il cellulare (riguardante la tragedia della funivia del Mottarone) è l’ennesima conferma a quanto ormai sappiamo: il denaro acceca gli occhi e il cuore dell’uomo. Non si tratterebbe di fatalità, né di errore umano, ma di cosciente e volontaria manomissione…

Continua a leggere →

L’essenziale è invisibile agli occhi. Domenica di Pasqua

L'essenziale è invisibile agli occhi

Ho scelto come titolo di questa riflessione una famosissima frase de Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry perché trovo incredibile che la testimonianza della verità della Risurrezione venga resa – in apparenza – senza prova alcuna, anzi, in flagrante assenza del “corpo del reato”. Mi si perdoni il linguaggio e il paragone da polizia scientifica, ma… mi sono chiesto: la Liturgia (e gli Evangelisti in primis) non potevano narrarci subito dell’incontro col Risorto, almeno la notte e il giorno di Pasqua? Sia il vangelo della Veglia (cfr Mc 16,1-7), sia quello del mattino di Pasqua hanno in comune un assente illustre: Gesù…

Continua a leggere →

Compassione. 5ª Domenica di Quaresima (B)

La compassione di Dio per noi

Il vangelo dell’anno scorso ci ha portati davanti al sepolcro di Lazzaro, per assistere ad un gesto grandioso di risurrezione: una prefigurazione, un anticipo di quella di Gesù. Un grande “quadro” presentato ai catecumeni per illustrare la potenza di Cristo, che nella sua Pasqua opera il passaggio dalla morte alla vita in ogni uomo che crede in Lui. Anche la pagina di oggi – seppure in modo meno “plateale” – ci aiuta a riflettere su questo tema, e lo fa con un’immagine stupenda, tratta dalla natura, con cui Gesù – in una sola riga – scrive un intero libro di filosofia, un mirabile trattato sul senso della vita…

Continua a leggere →

Obbedienza è pace. Il “buon senso” non è una virtù

L'obbedienza di San Giuseppe

Scrivo nel giorno della solennità di san Giuseppe, e la spiritualità di questo grande Santo mi aiuta a rileggere la discussione piuttosto animata che ho avuto qualche giorno fa sul sagrato. L’argomento era – come da mesi – il fatto che non se ne può più di restrizioni imposte anche in chiesa a causa di questa pandemia, e qualcuno reagiva con insofferenza alle norme emanate dalla Curia (in particolare il divieto di convocare in chiesa minorenni che non siano accompagnati dai loro genitori)…

Continua a leggere →

Polvere ne abbiamo? Mercoledì delle Ceneri

Polvere ne abbiamo?

Sono due anni che non viviamo questo rito penitenziale: l’anno scorso eravamo giusto al terzo giorno di lockdown in Lombardia, una serrata che credevamo di breve durata e invece ci ha tenuti a digiuno eucaristico fino al 18 maggio 2020. Quest’anno sembra che – tra le tante disposizioni igieniche – possiamo invece iniziare la Santa Quaresima (ma stiamo col fiato sospeso, sperando che le nuove varianti del Covid-19 non ci facciano ripiombare presto nell’incubo dell’anno scorso).

Continua a leggere →

Un’epidemia da non fermare. 2ª Domenica del Tempo Ordinario (B)

l'annuncio di fede è contagioso come un'epidemia

Siamo tornati nel Tempo Ordinario, ma la Liturgia ci ribadisce subito che – quando c’è di mezzo il Signore – nulla è più straordinario del nostro quotidiano, e le pagine della Scrittura che ci sono offerte in questa seconda domenica ne sono la conferma: cosa c’è di più unico e straordinario (per un credente) del primo incontro con il Signore? La vocazione del piccolo Samuele nella prima lettura e quella dei primi discepoli nel vangelo sono pagine di assoluto splendore, nelle quali specchiarsi e rileggere la propria esperienza.

Continua a leggere →

Via la mascherina! Maria Santissima Madre di Dio

Via la mascherina!

Quante persone in queste ore stanno dicendo – tra lo sfinimento e la disillusione – «eccoci finalmente alla fine di questo Annus horribilis»!
Ma noi cristiani possiamo esprimerci così? No. Perché siamo uomini e donne di fede, e la liturgia ci invita – come alla fine di ogni anno – a cantare il Te Deum. È una sfida, bella grande, ma credo che valga la pena accettarla e lasciarsi convertire, ancora una volta, dalla Parola di Dio.

Continua a leggere →

Dio ci ama, tutti. Natale del Signore 2020

Dio ci ama

Ci si scambiano tanti regali a Natale… magari quest’anno un po’ meno, a causa dell’ennesimo lockdown per la pandemia. Ce ne fa tanti anche il Signore (e non solo a Natale), ma forse non ce ne accorgiamo, perché sono cose che diamo per scontate. Eppure non lo sono…
Pensate – ad esempio – alla salute: in un anno come questo cosa c’è di meno scontato della salute? Eppure quanti di noi ringraziano il Signore di non essersi ammalati di Coronavirus? O di esserne guariti?

Continua a leggere →